16
Maggio
2018

Revisione auto, novità in arrivo: alla nostra vettura verrà dato un giudizio

Categoria: Blog Inretecar

La sicurezza stradale dipende anche dallo stato di salute dei veicoli su cui viaggiamo. Ne è convinta l’Ue che ha introdotto un nuovo certificato di revisione per tutti i veicoli a motore, al suo debutto in Italia dal prossimo 20 maggio. Si tratta di un attestato, in forma cartacea, che sarà rilasciato da officine e centri autorizzati in seguito al controllo tecnico della nostra quattro ruote. Su di esso i tecnici riporteranno i chilometri percorsi e una valutazione complessiva sul mezzo. A renderlo obbligatorio è una Direttiva europea (la 2014/45), recepita in Italia dal Dm 214/2017 e in vigore tra poche settimane.

Come una cartella clinica. Il certificato, firmato dal responsabile tecnico del centro di revisione, renderà conto di tutti i risultati emersi nel corso del test periodico: dunque conterrà i dati di tutte le prove svolte, con il corrispondente valore riscontrato e il range ammesso, che saranno anche trasmessi al Mit, il ministero Infrastrutture e Trasporti. Finora invece, ci si limitava a segnare sul libretto l’esito del controllo. I tecnici, inoltre, dovranno esprimere un voto sulle condizioni del mezzo: una valutazione generale che ne riveli le carenze, suddivise in lievi, gravi e pericolose. Infine sul certificato sarà indicata con precisione la data in cui svolgere il successivo controllo.

Contachilometri ai raggi X.
Altra novità importante, il certificato riporterà per legge i chilometri effettivi percorsi dal veicolo. L’obiettivo è rendere la vita difficile a chi tenta di manomettere il contachilometri al fine di rivendere a prezzi elevati auto obsolete, spacciandole per quasi nuove. Una truffa che incide sulla sicurezza degli acquirenti. Viene istituita inoltre una responsabilità per il proprietario dell'auto, che diventa ora garante dello stato della sua vettura, anche in caso di manomissioni.

Controlli identici in tutta l’Ue. Per la prima volta l’Ue entra nel merito dei test. La Direttiva infatti, stabilisce i metodi di revisione cui le officine dovranno attenersi. Lo scopo è armonizzare i controlli a livello europeo mentre finora i regolamenti dei singoli paesi presentavano ancora notevoli differenze.

Giro di vite anche sulla qualità dei test. A svolgere le revisioni, si legge nel decreto, saranno ispettori ministeriali oppure tecnici autorizzati. In Italia finora sussiste una situazione un po’ anomala a riguardo: a partire dal 2000 infatti, le revisioni dei veicoli sono condotte, oltre che dalla Motorizzazione civile, anche da centri specializzati e officine private, a cui il Mit rilascia apposite concessioni. L’ingresso nel business delle revisioni dei centri autorizzati ha gettato un’ombra sull’attendibilità dei test. Dichiarare il buono stato di un’auto per le officine è un’occasione in meno di riparare un veicolo guasto, e ciò implica un inevitabile conflitto d’interessi.

Ma la Direttiva fissa ora regole più severe sia per il personale alle prese con i controlli, il quale dovrà “possedere un livello elevato di capacità e di competenze", acquisito tramite “una formazione iniziale e corsi periodici di aggiornamento o un esame appropriato”. Inoltre, il ministero effettuerà verifiche sull’omologazione delle apparecchiature usate e sulla preparazione del personale e potrà revocare la licenza a chi non rispetterà gli standard. Inoltre un organismo di supervisione vigilerà sui centri di controllo.

L’obbligo di revisione. Resta invariata la periodicità dei controlli cui dobbiamo sottoporre la nostra auto: la revisione, in base al Codice della strada (art.80), va effettuata 4 anni dopo la prima immatricolazione, e poi ogni due anni finché la vettura è iscritta al Pra (Pubblico registro automobilistico), anche in caso di veicoli di interesse storico. Chiunque circoli con un mezzo di trasporto non revisionato rischia una multa da 169 a 680 euro, che può raddoppiarsi in caso di omesso controllo per due volte di seguito. Se il veicolo non è in regola, in caso di sinistro la compagnia ha diritto di rivalersi sull'assicurato.

In Italia, rivela uno studio del comparatore Facile.it, circa il 20% di tutte le auto private in circolazione è privo di revisione, circa 7,4 milioni di mezzi. La maglia nera per aver saltato i controlli spetta agli automobilisti della Campania (con il 40,72% di mezzi non a norma). Un triste primato, che la regione si contende con Lazio e Lombardia. Sul podio dei conducenti più virtuosi svettano invece Valle d’Aosta, Molise e Trentino Alto Adige.

da http://www.repubblica.it/economia/diritti-e-consumi/trasporti/2018/04/30/news/revisione_auto_novita_in_arrivo_alla_nostra_auto_verra_dato_un_giudizio-194973150/?ref=fbpr

Commenti (0)

Lascia un commento

Please login to leave a comment. Login opzionale sotto.

Seguici su

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Area Riservata

Perchè nasce InReteCar

  • Per creare alleanze e partnerships forti
  • Per essere lo strumento che sviluppa business nelle proprie attività
  • Per usufruire di quei vantaggi che da soli sarebbe difficile ottenere
  • Per avere l'opportunità di un ricco confronto tra colleghi
  • Per vedere nei problemi delle opportunità di crescita
  • Per migliorare le proprie conoscenze e avere una visione che va oltre il locale
  • Per scrivere le regole e non subirle
  • Per mettere al centro il CLIENTE creando servizi sempre più competitivi
  • Per essere riconosciuta sul mercato come RETE NAZIONALE altamente professionale
  • Per aumentare le proprie competenze andando oltre la propria azienda

Ultimi Commenti

Inretecar Consorzio

05. Agosto, 2015 |

condividiamo con aderenti la carta di bologna

Inretecar Consorzio

18. Maggio, 2015 |

PAD 26 STAND C 134 SARA' LO STAND DELLA CARTA DI BOLOGNA . APERTO A TUTTI I PROMOTORI E SOTTOSCRITTORI LA CARTA

Download

Partners Commerciali